Le ultime

News

La visione nell'era digitale

Pc, smartphone, tablet e ora anche Smartwatch sono parte delle nostre abitudini, lavorative e personali

Il sovraccarico per la nostra visione è raddoppiato, se non triplicato e quadruplicato.
Una recente indagine ha concluso che in Gran Bretagna il tempo medio di utilizzo di dispositivi digitali è di 8 ore e 41 minuti al giorno per gli adulti e ben 14 ore al giorno per i ragazzi compresi tra i 16 e i 24 anni.

La tecnologia ha aumentato il potenziale di stress a cui è sottoposta la nostra visione e i sintomi a esso associati sono stati definiti collettivamente Digital Eye Strain (DES).
Con questa didascalia si intende una condizione caratterizzata da disturbi visivi e/o disagi oculari correlati all’ uso di dispositivi digitali.

L’affaticamento digitale degli occhi è un problema in crescita, basta pensare che in America circa il 70% della popolazione accusa i sintomi di DES.
Nonostante questo la metà non ha mai cercato di risolvere questo disturbo della visione o non sa come affrontarlo.

Sintomi. Vista annebbiata, occhi stanchi e irritati, rossore, dolore al collo e alle spalle, cefalea sono solo alcuni associati al DES.
Tutto dipende dalla causa che scatena questo “affaticamento visivo”.
Le cause sono correlate a tre grandi categorie distinte:
• alla visione,
• allo schermo digitale
• alla superficie oculare.

I dispositivi digitali hanno forme e dimensioni totalmente diverse e questo impatta sull’utilizzo che noi ne facciamo.

Provate a pensare a che distanza dagli occhi tenete lo smartphone a differenza del pc o di un testo cartaceo, aumentando così notevolmente lo sforzo di accomodazione e convergenza.
La scorretta postura di utilizzo può causare tensioni muscolari (facciali, del collo e degli occhi), rigidità della schiena e occhi stanchi.

Molti schermi inoltre emettono una luce blu particolarmente intensa (400-500 nm), conosciuta anche come luce visibile ad alta energia.
Studi di laboratorio hanno dimostrato cambiamenti della retina dovuti a un’esposizione prolungata a questo tipo di luce.
Questo può causare fastidiosi disturbi come vista annebbiata, occhi stanchi e irritati, pesantezza e cefalea.

Ad oggi le nuove tecnologie nel campo dell’ottica si adoperano per tutelare i pazienti che accusano i sintomi da DES.
Ne sono un esempio le lenti Zeiss Office, create appositamente per l’utilizzo in ufficio o le varie soluzioni per idratare la superficie oculare.
Esistono inoltre lenti a contatto che proteggono dalla luce blu.

Cerca la soluzione per il tuo benessere visivo più adatta a te.

In collaborazione con Tezuk

SHOP TEZUK

Visita

Disponibile su iOS e Android

Inn App

Scarica l'app